Domande frequenti riguardo l’allevamento amatoriale

Che cos'è un allevamento amatoriale?

Il significato etimologico della parola “amatoriale” è: “che riguarda gli amatori, gli appassionati di una determinata attività …”

Ci sono molte persone che non sanno esattamente cosa sia un allevamento “amatoriale”, oppure pensano che sia un allevamento di molto inferiore per qualità e competenza, rispetto un allevamento di tipo commerciale. Di fatto l’allevamento amatoriale è più piccolo rispetto a quello commerciale e solitamente si specializza nell’allevamento di un’unica razza, con la differenza rispetto a quello commerciale, che i nostri gatti sono liberi di girare in tutta la casa.

Essere un allevatore amatoriale non significa avere un negozio, ma significa essere appassionati, saper dispensare amore, coccole, imprinting necessario, cure sanitarie e cibi di ottima qualità per la crescita sia dei cuccioli, che dei nostri gatti adulti, in un ambiente sano e pulito, dove i nostri amici gatti possano vivere liberi e crescere sereni.

Non avete idea di quanto si sia in apprensione quando si decide di far nascere una cucciolata! Significa mettere la propria vita in secondo piano sempre, perché anche quando siamo ammalati dobbiamo adempiere ai nostri doveri verso i nostri Thai! Significa non poter mai fare programmi a lungo termine e poter contare su poche amicizie, poiché non tutti comprendono i nostri impegni, oltre che non poter considerare le festività , le domeniche, i capodanni, le ferie: per noi allevatori amatoriali tutti i giorni sono uguali! Significa spendere ore a studiare e aggiornarsi con corsi specifici e investire il nostro denaro per la crescita sana di tutti i nostri Thai! Significa stare in ansia aspettando le nascite ed emozionarsi ogni volta che una nuova vita viene al mondo, o soffrire quando qualcosa va storto… Significa poter contare su un veterinario 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno! Significa anche soffrire quando si cedono i nostri cuccioli Thai a cui ci affezioniamo ogni volta, pur sapendo che andranno in buone mani. Significa essere sempre a disposizione di chi ha acquistato i nostri cuccioli, e mantenerci in contatto per rivederli ogni tanto, magari anche solo attraverso le loro foto!

Come si può dedurre, avere un allevamento amatoriale è un grandissimo impegno che non ci fa mai staccare la spina, ma che ci da grandissime soddisfazioni, perché abbiamo scelto di allevare con amore i nostri bellissimi Thai, componenti della nostra famiglia a pieno titolo.

Il nostro allevamento è riconosciuto dall’AFI (Associazione Felina Italiana) nel WCF (World Cat Federation) e dall’ANFI (Associazione Nazionale Felina Italiana) nel FIFE (Federation International Feline), inoltre facciamo parte dell’ITC (International Thai Cat) e ne seguiamo tale etica! Mystic Thai ha come obiettivo primario la diffusione del Thai esclusivamente a persone che amano e rispettano gli animali.

Perché non ci si può improvvisare allevatori?

Spesso accade che alcune persone si improvvisino allevatori di gatti di razza, perché essendoci buone probabilità sulla vendita dei cuccioli, pensano più al guadagno che potrebbero avere, piuttosto che all’impegno che comporta un allevamento degno del proprio nome.

Essere allevatori implica innanzitutto avere una grande passione e una certa esperienza, di modo da garantire a chi acquista un cucciolo, di avere poi un gatto sano, con la genealogia visibile e tutta la documentazione che ne segue, sia sanitaria che il pedigree. Infatti non basta far fare a madre natura il proprio compito quando si hanno i gatti da riproduzione, ma ci sono una serie di problematiche da tenere bene in considerazione.

Non si può accoppiare a caso, (ad esempio tra consanguinei) senza considerare la genealogia dei gatti da riproduzione, spesso sottoponendo i gatti stessi ad esami di test genetici e a tutto ciò che è necessario per ottenere risultati “sicuri”. Bisogna quindi saper gestire la gravidanza e il parto delle nostre gatte, perché comportano più rischi rispetto una sterilizzazione.

È bene sapere che mantenere i gatti da riproduzione e le cucciolate è costoso, sia per ciò che viene speso in attrezzature (es. lettiere, ciotole, giochi, tiragraffi ecc.) sia per il cibo di alta qualità che deve essere somministrato ai propri gatti e in seguito ai cuccioli in fase di svezzamento. Inoltre se si vuole far crescere in modo sano i cuccioli, occorre mantenere l’ambiente ben pulito, deterso e disinfettato ed avere spazio sufficiente per poter far vivere a mamma gatta la fine gestazione con tranquillità e permettere ai cuccioli di crescere senza esporsi ai pericoli. L’acquisto costante di disinfettanti e il mantenimento dell’igiene contribuisce insieme alle altre spese ad aumentare ulteriormente il budget di mantenimento dei nostri gatti. Corsi di aggiornamento, esposizioni feline, nonché la ricerca dei gatti maschi campioni da riproduzione, che spesso sono all’estero, comportano quindi un esborso di energie e denaro non indifferenti, sia per il tempo impiegato che per le spese di viaggio.

Ci sono poi i controlli sanitari da fare sui cuccioli da vendere, quindi spese veterinarie per visite, test genetici, vaccini ecc.

L’intento quindi di un allevatore degno di tale nome, è quello di dar vita a cuccioli sani e rispondenti allo standard in tutti i sensi, cuccioli abituati a stare sia con le persone che, nel nostro caso anche con un cane, e che bene si adatteranno ad essere “adottati” da una nuova famiglia a cui daranno tanto amore ricambiato.

Perché non si possono vendere (o acquistare) gatti di razza senza pedigree?

Spesso vediamo annunci su internet del tipo: “Vendo gatto di razza a prezzo modico”…

Chi non garantisce gli standard corrispondenti alla razza, non deve approfittare della mancata conoscenza delle persone su questi argomenti, vendendo loro cuccioli “a prezzo modico”, cuccioli che potrebbero avere malattie genetiche o altri problemi.

Chi intende avere questo tipo di cucciolate, se è una persona corretta, dovrà assolutamente regalare i cuccioli e non lucrare sul loro commercio.

A questo proposito peraltro, esiste il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 529, di attuazione della direttiva 91/174/CEE “relativa alle condizioni zootecniche e genealogiche che disciplinano la commercializzazione degli animali di razza”, che vieta la vendita di animali di razza sprovvisti di pedigree.

Un Thai senza pedigree è considerato a tutti gli effetti un meticcio, e come tale va regalato: né venduto, né acquistato.

Quanto costa un cucciolo?

Per quanto riguarda il costo di un nostro cucciolo, preferiamo dare informazioni direttamente a chi è realmente interessato, non via mail o tramite sms perché vogliamo che il possibile acquirente sia a conoscenza dell’ambiente in cui vivono e come sono allevati nostri gatti. Inoltre per noi è importante sapere a chi verranno affidati i nostri cuccioli.

Vi invitiamo quindi a telefonare al numero presente sul nostro sito.

Quanto costa senza pedigree?

Non vendiamo cuccioli senza pedigree (o certificato genealogico) che è la garanzia che il nostro gatto è di pura razza, ed è il documento che attesta la provenienza e la genealogia del micio, la sua carta d’identità  personale dove sarà inserito anche il numero del suo microchip.

È corretto precisare che il pedigree è tra i costi meno incidenti, rispetto ad altri costi che servono per allevare i nostri cuccioli nel modo migliore.

Perché non c'è il vostro indirizzo nel sito?

L’indirizzo non è visibile perchè l’allevamento è a casa nostra, e accogliamo gli interessati previo appuntamento telefonico.

Vi invitiamo quindi a telefonare al numero presente sul sito.

Siete aperti durante il fine settimana?

Non abbiamo orari di apertura o chiusura perché l’allevamento amatoriale è presso la nostra abitazione.

Posso avere un cucciolo subito?

Non essendo un allevamento “intensivo”, i cuccioli possono non essere disponibili “subito”. Abbiate quindi pazienza, perché se ci tenete veramente, attendere ne varrà sicuramente la pena.

Mi venite incontro a metà strada per portarmi il cucciolo?

Cerchiamo sempre di venire incontro alle persone per quanto riguarda la consegna, o li consegnamo direttamente, o tramite amici e conoscenti fidati se le distanze dovessero essere lunghe.

Potete spedirmi il cucciolo con un corriere?

Premesso che i cuccioli non sono spedibili come pacchi postali, non utilizziamo assolutamente i corrieri per la consegna, ma cerchiamo di darli direttamente o tramite amici e conoscenti fidati.